New faces of hockey in Tanzania – Tanga Tournament 2014

ENGLISH VERSION AT THE BOTTOM

I NUOVI VOLTI DELL’HOCKEY IN TANZANIA. DEBUTTO DEI RAGAZZI DELLA SQUADRA MASCHILE DELL’UNIVERSITA’ DI DAR ES SALAAM E DELLE NUOVE RAGAZZE DELLA NAZIONALE FEMMINILE AL TORNEO “PHOENIX ASSURANCE” DI TANGA.

Come ogni anno, hockeysti dalla Tanzania e da paesi limitrofi come il Kenya e l’Uganda, si ritrovano per il prestigioso torneo internazionale “Phoenix Assurance” a Tanga, cittadina a circa 6 ore dalla capitale Dar Es Salaam, che si affaccia sull’Oceano Indiano. Quest’anno il torneo si è svolto dall’8 al 10 agosto 2014, con 8 squadre maschili partecipanti provenienti dalla Tanzania, Kenya e Uganda. In più, il gentil sesso è stato rappresentato dalla nazionale tanzaniana femminile, alla sua seconda edizione. Il torneo è stato vinto dal Moshi Khalsa, che in finale ha battuto il Kenya Police ai rigori.

Fino qui, tutto normale. Ciò che si “nasconde” dietro un risultato, però, non si vede.
Per la prima volta nella storia dell’hockey in Tanzania, ha partecipato a questo importante torneo la squadra maschile dell’Università di Dar Es Salaam, che è stata fondata poco più di un paio di mesi fa, quando abbiamo iniziato a insegnare hockey agli studenti e studentesse universitari. A fine torneo, i ragazzi si sono classificati ottavi, le partite ufficiali le hanno perse tutte e due (con il Moshi Khalsa 9-0 e contro l’Eh-Hilal 1-0). Il risultato non dice che i ragazzi della squadra dell’università sono un gruppo di giovani studenti che hanno scoperto una grande passione per l’hockey e che hanno fortemente voluto partecipare a questo torneo, pur non avendo le risorse economiche per farlo. Cercando, insieme, un aiuto economico, abbiamo ricevuto il grande supporto della più grande azienda di Cemento qui in Tanzania, la TWIGA CEMENT, che ha deciso di cogliere la sfida di essere promotrice dello sport tra i giovani tanzaniani. Grazie al loro supporto economico, la squadra dell’Università è riuscita a organizzare la trasferta per il torneo, dimostrando alla Federazione Tanzaniana e più in generale a tutto il movimento sportivo in Tanzania, una grande sensibilità verso i valori che lo sport trasmette ai giovani. Un sincero ASANTE TWINGA CEMENT! E un grazie anche a Simon e Stephanie per aver reso il tutto possibile.

Ma passiamo al gentil sesso. Se guardiamo i risultati, la formazione della Nazionale Femminile Tanzaniana, ha perso entrambe le due partite ufficiali del torneo, la prima contro il il TPDF di Dar es Salaam (7-0) e la seconda contro la squadra del Kenya Police (12-0). Il risultato però non dice che, per prima cosa, giocare contro i maschi è sempre difficilissimo, la disparità di livello è troppo grande da poter permettere un confronto alla pari. Purtroppo l’idea iniziale di organizzare un torneo femminile quest’anno, non è andata in porto sebbene l’invito a squadre femminili di altri paesi lo abbiamo mandato. Nessuna squadra femminile è riuscita a trovare i fondi per venire a Tanga. A parte questo, i risultati non dicono che quest’anno la squadra femminile è composta per la stragrande maggioranza da ragazze giovani dai 18 ai 22 anni che si sono avvicinate all’hockey pochi mesi fa, quando hanno scoperto che questo “strano” sport si giocava nel campetto vicino casa (nel quartiere di Magereza). Della squadra dell’anno scorso, sono rimaste solamente tre giocatrici (Ashbae, Mery e Kidawa), che supportano le più giovani con la loro esperienza. A Tanga  le ragazze erano in 18, da questo gruppo sceglieremo le 16 giocatrici che rappresenteranno la Tanzania al World League Round 1 dal 5 al 7 settembre 2014 a Nairobi. La squadra è giovane ed inesperta, il torneo sarà durissimo perché ci andremo a confrontare con squadre molto forti come il Ghana e il Kenya. Ma la Tanzania ci sarà e faremo del nostro meglio per giocare al massimo delle nostre possibilità.

Il bilancio della trasferta a Tanga, quindi, è più che positivo per l’hockey in Tanzania, se mettiamo assieme i giovani giocatori della squadra maschile dell’Università e della squadra femminile, possiamo contare circa 40 nuovi giocatori per la Tanzania da aprile 2014 fino ad oggi … un risultato che vale più dei risultati sul campo e da la spinta per andare avanti con questo progetto-sogno di diffondere l’hockey tra i giovani tanzaniani.

Chiudiamo ringraziando uno degli ultimi acquisti nella famiglia dell’hockey in Tanzania. Il suo colore della pelle è come il mio, ma viene dall’Australia. Si chiama Kimberley Height, ed è una ragazza che sta lavorando per un’ong locale qui a Dar es Salaam. Essendo giocatrice amatoriale di hockey, quando ha saputo che qui a Dar c’era la squadra di hockey, si è unita a noi in un paio di allenamenti ed è anche venuta a giocare con noi a Tanga. Karibu sana Kimberley! E un grazie di cuore anche alla zia di Kimberley, Raelene Trimper che ha deciso di supportare il progetto hockey in Tanzania, ASANTE SANA RAELENE!

E grazie anche a molti altri sostenitori del progetto, che per fortuna sono molti, vicini e lontani. Dalla Federazione di Hockey Tanzaniana, al CO.P.E. ngo, a Tulime ngo (promotori del progetto), agli sponsor locali e a tutti gli amici che, ognuno nelle loro possibilità, ci supportano con aiuti economici e materiali. Come si dice in swahili, “TUSIKATE TAMAA” (non molliamo)!

Buona vita e viva l’hockey!
Valentina

ENGLISH VERSION!

NEW FACES OF HOCKEY IN TANZANIA. DAR ES SALAAM UNIVERSITY MALE TEAM AND NEW WOMEN NATIONAL TEAM DEBUT AT “PHOENIX ASSURANCE TOURNAMENT IN TANGA.

Like every year, hockey players from Tanzania and neighbouring countries like Kenya and Uganda, meet in the prestigious international tournament “Phoenix Assurance” in Tanga, a small ocean side town that at about 6 hours from the capital. this year the tournament run from the 8th to the 10th of August, with 8 male teams from Tanzania, Kenya and Uganda, plus a lady’s team to represent the women national squad, taking part for the second timen in the event. Mochi Khalsa took home the trophy, defeating Kenya POlice’s team on penalties.

So far, nothing new. But there was something more beyond the final score and standings. for the first time in history of hockey in Tanzania, the University of Dar es Salaam Team took the field in the tournament, a team founded about three months agoo, when we started to teach hockey to university students on their campus. At the end they played and lost two matches (9-0 to upcoming champions Moshi Khalsa and 1-0 against the Eh-Hilal Team). what you don’t find in the scoreboard is that they are a young group of students that fell in love with hockey and craved to participate in this tournament, even though not having the resources to partecipate. looking together for some financial support we managed to get some funds from the biggest cement company here in Tanzania, the Twiga Cement, that decided to step up for the challenge and support the development of this sport among young Tanzanians. Thansk also to them the university team managed to organize the trip to the tournament, showing the tanzania federation and the whole sport movement in Tanzania, all the passion and values that this sport can instill into youngsters. A sincere ASANTE TWIGA CEMENT! and a thanks also to Simon and Stephanie to make this happen.

Time for the ladies now; looking at the scoreboard we also lost both official matches played here, the first one 7-0 with TPDF (Tanzania People’s Defence Forces) and the second one 12-0 against Kenya Police’s team; playing against boys team is too much of a challange, the sheer phisical difference alone poses a gap to big to make up for a close match. Initially we would have wanted some women team from nighbouring countries to take part to the tournament, we send out some invitation, but the lack of financial support didn’t allowed this idea to materialize. Furthermore this year’s team is made up for the majority from rookies, girls of around 18 to 22 years of age that started playing hockey some months ago, when they find out this “strange game” being played on the ground near home ( in Magereza neighbourhood). from last year team only 3 players remain (Ashbae, Mery e Kidawa) to support the newcomers with their experience. In Tanga they were 18, from this group we’ll pick up the 16 to represent Tanzania at the World League Round 1 Tournament, from the 5th to the 7th of September in Nairobi. the team is young and inexperienced, and the tournament will be reeally though, as we will be lining up agains much more eperienced team like Ghana and Kenya. But we’ll be there to represent Tanzania, and to leave everything on the field.

The overall balance from this tournament in Tanga is positive for hockey in Tanzania, summing up all the new players gathered in the last months for the University and women squads, more than 40 senior players from april, a result more important then the scoreboard now, to fuel the growth of this project/dream to spread hockey among youngs in Tanzania.

A final note to welcome another newcomer in the ever-growing tanzanian hockey family: she’s light skinned like me, but she comes from Australia; her name is Kimberley Height and she works for a local NGO here in Dar es Salaam. Being an amateur hockey player herself, when she found out that we had a hockey team in Dar, she joined us for some practices and came with us to play in Tanga. Karibu sana Kimberley! And a big, whole-hearted THANK YOU also to her aunt, Raelene Trimper, that decided to give an important support to this hockey project in Tanzania, Asante sana Raelene!

And thanks also to all the other project supporters, near and far away: the local Tanzanian Hockey Federation, COPE and Tulime Onlus (project promoters), local sponsors and all our friends that support us with their donations and with much needed with hockey equipment. Like we say in Swahili, “TUSIKATE TAMAA” (never quit)!

Enjoy life, enjoy hockey
Vale

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s